La Divina e la Perla del Lago: Maria Callas a Sirmione

A Sirmione la Callas vive ancora nel ricordo generale. Un palazzo comunale, Palazzo Callas, sede di eventi e importanti mostre, è dedicato a lei. E anche quest’estate, come avviene da 15 anni, si terrà un Festival musicale. Sempre nel suo nome.

Maria Callas chiamò Sirmione “casa” per alcuni anni della sua vita, precisamente dalla primavera del 1952 all’agosto 1958. Erano gli anni del suo matrimonio con Giovan Battista Meneghini, sposato nella chiesa dei Filippini di Verona, che a Sirmione possedeva una villa anni Venti.

A raccontarci la storia del grande amore tra Maria Callas e Sirmione, è un testimone d’eccezione, il suo biografo ufficiale: Michele Nocera che non solo ha dedicato gran parte della sua vita alla cantante, scrivendo libri e organizzando mostre in suo onore, ma che la conobbe, quando era un bambino. Il Prof. Nocera ricorda che “Maria Callas giunse a Sirmione all’apice della sua carriera, quando trionfava nei teatri e aveva il mondo ai suoi piedi. Per lei la penisola catulliana rappresentò un porto sicuro, un’oasi di pace e serenità in cui rifugiarsi. Qui viveva in una villa lussuosa che sistemò secondo il suo gusto e che presto si riempì della sua voce potente e soave. Si era letteralmente innamorata dell’atmosfera rilassata che respirava solo in questo angolo di mondo: le piaceva fare bagni termali, andare dalla parrucchiera in centro e passare del tempo al Caffè Grande Italia. Anche quando si allontanava da Sirmione manteneva vivo il legame con questo luogo mandando cartoline alle persone a cui era più legata”.

monumenti-di-interesse-sirmione-villa-callas

Sul punto di morire confessa a un giornalista tedesco di aver fatto tanti errori nella vita, ma il più grande è stato quello di aver lasciato il marito e Sirmione e in una lettera scrive “Vorrei terminare i miei giorni a Sirmione ed essere sepolta in questo paradiso terrestre”. Il destino la condusse su altre strade: nell’agosto del 1959 Aristotile Onassis arrivò a Sirmione per portarsi via Maria che morì, tutta sola il 16 settembre 1977 a Parigi.