Sport all’aria aperta in Valtenesi, che passione!

La Valtenesi è il luogo ideale per passare del tempo immersi nella natura. Le dolci colline moreniche offrono infatti molte opportunità a chi vuole coniugare natura e sport. Ne abbiamo parlato con Guido Bonvicini, ideatore di MOVEOUT (portale dedicato al mondo outdoor rivolto sia agli esperti, sia ai principianti), attivo nell’organizzazione di iniziative di carattere sportivo su questi territori.  Eccovi alcuni consigli che Guido vi propone per vivere al meglio la Valtenesi:

  1. Passeggiate a cavallo lungo i sentieri circondati tra querce e pioppi: in questa zona sono molti i maneggi e le  associazioni che propongono passeggiate ippiche, adattesia per adulti che per bambini su percorsi brevi o lunghi.
  2. La Valtenesi è anche il posto giusto per fare escursioni in mountain bike. Sono molti i percorsi alla scoperta del territorio che si possono fare sulle due ruote, ma ce n’è uno in particolare tutto dedicato alla Valtenesi assolutamente da non perdere. Si parte dal Castello di Padenghe in direzione di Moniga. Dalla strada provinciale si svolta a destra seguendo le indicazioni per la Chiesa della Madonna della Neve, dopo aver superato il castello di Moniga verso via Magenta in direzione San Felice. La tappa successiva è Polpenazze, con sosta all’imperdibile Chiesa di S. Pietro in Lucone, poi verso Castelletto e successivamente, attraverso via Pralongo si torna al Castello di Padenghe.

    556111136_1280x720

  3. Per gli appassionati di arrampicata a Manerba del Garda c’è un piccolo paradiso incontaminato, sono ancora in pochi infatti a frequentarlo: una parete di circa 60 m a strapiombo sul lago, una tra le mete di arrampicata più affascinanti del Basso Garda.La struttura della falesia (un particolare calcare grigio, simile a volte all’arenaria )è sviluppata a triangolo con un vertice alla base, dalla quale parte la via di attacco di circa 15 metri che porta ad una sosta vicino ad un alberello dal quale partono la maggior parte delle vie. Alla decine di Vie presenti sulla parte superiore della parete si accede normalmente calandosi dall’alto.
  4. Ultimo consiglio: i fondali del Garda sono da sempre molto apprezzati e frequentati dai sub, in particolar modo sono di grande interesse e ricchezza naturalistica quelli al largo della Rocca di Manerba. Queste zone del lago sono anche perfette per praticare il SUP e il windsurf!