Alla scoperta dei gioielli di Polpenazze del Garda!

Visitare Polpenazze è una vera sorpresa! Questo piccolo borgo infatti non offre solo paesaggi mozzafiato e vino eccezionale, ma anche due veri e propri gioielli: il sito Unesco del Lago Lucone e la pieve romanica di San Pietro in Lucone.

La preistoria sotto i piedi. Resti di cacciatori con archi e prede, contenitori di ceramica, palafitte, pezzi di collane. Sono alcuni degli straordinari reperti che sono conservati, e pian piano riportati alla luce grazie al lavoro degli archeologi, nel sito palafitticolo del Lucone, dichiarato nel 2011 Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Tra le colline oggi coltivate per produrre ottimo vino si custodiscono i resti di un insediamento dell’Età del Bronzo che si è conservato tra le acque e i fanghi di un’area bonificata secoli fa, dove un tempo c’era il lago Lucone, sede di uno dei tanti siti palafitticoli presenti nell’arco alpino che però attira per la sua unicità universitari e ricercatori da tutta Europa, in quanto risulta essere uno dei bacini inframorenici meglio conservati del Garda.

Il sito del Lucone è diventato particolarmente famoso quando dal limo nerastro della zona sono emersi i resti di un bambino della preistoria, vissuto quattromila anni fa. Gli archeologi ne hanno trovato il cranio intero, anche se in parte frammentato). Il giovane giaceva appoggiato sopra due pali e attorniato da pezzi di corteccia di ontano.

lucone_polpenaaze_lago_di_garda

Il viaggio alla scoperta di Polpenazze del Garda prosegue alla ricerca della chiesa di San Pietro in Lucone che sorge su una piccola collina, protetta da due alberi e ha un prato come sagrato. La facciata è a capanna e all’interno, inaspettati, si trovano affreschi del Trecento. Nel catino dell’abside c’è un Gesù benedicente affiancato da due file di apostoli.

Sulle colonne, come per caso, si scoprono altri affreschi trecenteschi, tra cui un San Rocco davvero splendido. Su una parete è appesa la Concezione della Beata Vergine di Pietro Ricchi detto il Lucchese, uno degli artisti più amati alla corte di Francia.